Cerca

Sconto sugli annunci di affitto: trattare funziona!

by Andrea Saporetti
on Aprile 30, 2013
Visite: 10003

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

In tempo di tagli alle voci del bilancio familiare, chi è alle strette fa attenzione a tutto: bollette, benzina, alimentari e naturalmente le spese per l'affitto di casa. Chi si deve trasferire in un nuovo appartamento in affitto controlla bene gli annunci, valuta i canoni proposti e prova a chiedere uno sconto: ma fino a che punto i canoni di affitto sono trattabili? Solo Affitti presenta i risultati di un'indagine relativa al margine di sconto medio sul mercato, fornendo anche qualche utile consiglio per ottenere uno sconto interessante dal proprietario

La spending review delle grandi e piccole spese quotidiane che la crisi impone a sempre più famiglie, tocca ogni aspetto della vita familiare. Le spese per la casa, ovviamente, non sono da meno. Chi sta cercando un appartamento in affitto sfrutta l'attuale fase di abbondanza di offerta immobiliare per trovare le occasioni migliori. E, di questi tempi, si possono fare veri affari!

Ormai, la gran parte dei futuri inquilini sceglie la rete: controlla gli annunci presenti in rete, confronta i canoni proposti per gli immobili di maggiore interesse e, dopo aver visitato gli appartamenti "papabili", avvia una trattativa col proprietario, con l'intermediazione dell'agenzia.

L'Ufficio Studi del franchising immobiliare Solo Affitti ha effettuato un'indagine nazionale tra le proprie agenzie per verificare il livello di sconto medio che i proprietari sono disposti ad accettare rispetto al prezzo di affitto inizialmente stabilito. Il dato è interessante: pare proprio che qualificarsi rispetto al futuro padrone di casa oggi permetta di ottenere risparmi sul canone di affitto considerevoli.

2013-04 Sconto sugli annunci di affitto quanto si può trattareLa fascia di sconto più frequentemente segnalata dalle agenzie Solo Affitti è quella ricompresa tra 30€ e 70€. La situazione, tuttavia, è variegata: differenze evidenti emergono soprattutto dal confronto fra le agenzie delle grandi aree metropolitane e quelle ubicate nei centri urbani di minori dimensioni.

Quasi tre agenzie su quattro (94%), tra quelle presenti in città di piccole o medie dimensioni, registrano sconti inferiori a 70€, mentre sono rarissimi (6%) i casi di proprietari generalmente disposti a concedere sconti superiori a 70€. Molto più dinamici appaiono i mercati metropolitani, dove l'alto prezzo degli affitti (adatto quindi a ridimensionamenti di importo anche elevato) permette di registrare nel 30% dei casi sconti superiori a 70€ (il 5% delle agenzie dichiara sconti medi persino superiori a 100€, mostrando una negoziabilità del canone notevole).

Quali sono i fattori in grado di permettere agli inquilini di strappare uno sconto elevato sul canone di affitto proposto dal proprietario nell'annuncio immobiliare? Vediamo come poter essere convincenti:

1) Un buon lavoro agevola una buona trattativa. Gioco facile per un direttore di banca o per un dipendente pubblico, che vanno sempre di moda come inquilini; ma anche un onesto e duraturo lavoro da operaio o impiegato, se l'azienda è solida, sono ottime referenze.

2) Presentare la busta paga o la dichiarazione dei redditi degli ultimi anni e dimostrare così di guadagnare costantemente nel tempo una cifra sufficiente a pagare regolarmente l'affitto. Tranquillizzerà il proprietario, convincendolo, a fronte di pagamenti sicuri, a moderare le pretese.

3) La presentazione al proprietario di idonee garanzie può essere il fattore determinante. L'assicurazione, ad esempio, è una forma di tutela ultimamente molto apprezzata dai proprietari.

4) Ultimo, ma non meno importante, presentarsi bene. Può sembrare banale e forse un po' convenzionale, ma un'immagine rassicurante può essere l'elemento emozionale decisivo per convincere alcuni padroni di casa particolarmente rigidi.

Presentazione Autore
Andrea Saporetti

Laureato in economia, da sempre interessato a qualsiasi cosa sia misurabile. L'innata passione per la statistica e lo stile descrittivo a metà tra il magniloquente ed il prolisso fanno di lui il blogger più alternativo dell'ultimo decennio. L'impegno nel volontariato e la passione per la letteratura russa completano la sua immagine giovane e dinamica.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Marta

    Ciao Andrea,

    immagino che i dati ufficiali riportati in questo articolo provengano dall'indagine nazionale dell'Ufficio Studi del franchising immobiliare Solo Affitti che citi appunto nell'articolo. E' possibile avere questo studio? Ti spiego meglio qual'è il mio punto: a me servirebbero, per motivi di lavoro, gli sconti praticati dalle agenzie in termini di percentuale sul prezzo di partenza, piuttosto che in € come mostra il tuo grafico. Potresti fornirmi qualche informazione in merito? Perché avevo già scaricato il report, ma questo dato non viene fornito.

    Grazie,

    Marta

  • Buongiorno Marta,
    in realtà questi sono i dati di un'indagine ad hoc effettuata dall'Ufficio Studi Solo Affitti.
    Possiamo comunque cercare di effettuare una stima della percentuale di sconto praticata dai proprietari, incrociando il valore della fascia di sconto più frequente (30-70€)con il valore del canone medio italiano rilevato dall'Ufficio Studi Solo Affitti per il 2013.
    Come potrà verificare dall'articolo seguente, un immobile privo di arredamento e senza garage viene affittato in media a 516€.
    http://www.blogaffitto.it/categorie/prima-pagina/solo-affitti-le-locazioni-scendono-ancora-nel-2013-ma-si-va-verso-la-stabilizzazione.html
    Il prezzo medio di offerta, stimato sommando a questo valore i 30€-70€ di sconto sopra stimati, si aggira nella maggior parte dei casi tra il 5% e il 12% del canone mensile di locazione. Una media ragionevole, quindi, potrà avvicinarsi attorno all'8%.
    Spero queste informazioni possano essere utili alla sua analisi, rimango a sua disposizione.

  • Marta

    Ciao,
    è possibile avere i dati ufficiali del franchising immobiliare Solo Affitti che sono stati utilizzati per questa analisi?

    Grazie,
    Marta

  • Buonasera Marta,
    i dati ufficiali riguardanti lo sconto medio praticato dai proprietari nei confronti degli inquilini in fase di trattativa (rilevazione primavera 2013) sono quelli riportati nel grafico di questo articolo.
    Per ulteriori informazioni statistiche sul mercato dell'affitto in Italia ti consiglio di scaricare il Report Solo Affitti - Nomisma 2013 dal seguente link: http://www.soloaffitti.it/nomisma.php
    Buon fine settimana,
    Andrea

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Canoni di affitto: nel 2017 + 2,6%Canoni di affitto: nel 2017 + 2,6%
Nel 2017 tornano a salire i canoni di affitto in Italia. Solo Affitti rende noto il report sulle locazioni per l’anno 2017, facendo il punto...
Studenti universitari, in crescita gli affitti al nord. Milano la più cara, Roma in caloStudenti universitari, in crescita gli affitti al nord. Milano la più cara, Roma in calo
Caro-affitti per le stanze singole (+5%), in leggero calo invece le doppie (-2%). Valori in aumento al nord, stabili o in ribasso al centro-sud. &...
Sfratti per morosità in calo, ma il fenomeno è ancora grave. Come proteggersi?Sfratti per morosità in calo, ma il fenomeno è ancora grave. Come proteggersi?
Si passa da 1 sfratto ogni 334 famiglie nel 2014, annus horribilis per gli sfratti, a 1 ogni 419 nel 2016. L’aumento dei provvedimenti di...
3 ragioni per cui l’affitto è in crescita anche se le compravendite sono ripartite3 ragioni per cui l’affitto è in crescita anche se le compravendite sono ripartite
Gli italiani ricominciano a comprare casa, gli affitti sono destinati a sgonfiarsi. Sbagliato: ecco cosa succede sul mercato immobiliare  ...
Perché l’affitto è il fenomeno immobiliare del momento, spiegato in 3 puntiPerché l’affitto è il fenomeno immobiliare del momento, spiegato in 3 punti
Un mercato in crescita da 9 anni consecutivi, una fiscalità particolarmente vantaggiosa per il proprietario e canoni di affitto accessibili per...