Cerca

"You get what you measure", parola di John H. Lingle, famoso consulente aziendale. Una filosofia dei numeri, intesi come la base attraverso cui osservare la realtà. Ma se è vero che le statistiche sono uno strumento dell'informazione, bisogna ricordare che non basta avere dei dati: si tratta anche, o soprattutto, di saperli interpretare.

Rimani aggiornato sull'argomento

by Andrea Saporetti
on Maggio 13, 2014
Visite: 2037

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

La rivoluzione di internet prima e del marketing 2.0 poi hanno cambiato abitudini e stili di vita di ciascuno di noi. Giovani e giovanissimi in primis, ma non solo. E il settore immobiliare? È immune a questo cambiamento? Ecco tre motivi che renderanno sempre più fondamentale passare dal web per vendere o mettere in affitto la propria casa.

 

by Andrea Saporetti
on Aprile 29, 2014
Visite: 1901

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Anche le banche tirano la cinghia. Sono finiti i tempi delle aperture di massa, in cui si poteva trovare uno sportello bancario quasi affiancato ad un altro e, non appena uno si liberava c'era la corsa tra i vari istituti per accaparrarselo. Rispetto ai 32.800 sportelli bancari operativi nel 2007, oggi sono già oltre 800 quelli che hanno abbassato la saracinesca e, in cinque anni, altri 1.500 sono previsti in chiusura. Tanti negozi di cui le banche dovranno disfarsi. Ma affittarli non sarà per nulla facile: vediamo perché.

 

by Andrea Saporetti
on Aprile 22, 2014
Visite: 3927

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il Salone del Mobile di Milano appena concluso è stato, come ogni anno, il momento per fare il punto della situazione nel settore dell'arredamento e del design. Comparto produttivo storico del nostro Paese, ma in forte ridimensionamento negli ultimi anni a causa della crisi dell'edilizia e dell'immobiliare. Comparto che può però essere uno dei motori trainanti della ripresa della nostra economia. Come? Spinta sull'export, valorizzazione della creatività e artigianalità racchiusa dietro al marchio "Made in Italy" e, non per ultimo, rafforzamento nei canali di vendita innovativi, come l'e-commerce.

 

by Andrea Saporetti
on Aprile 15, 2014
Visite: 43121

Commenti recenti

  • Paolo

    Per i locali commerciali di 500 metri quadrati in locazione, va fatta l'a.p.e. grazie
    0
  • Nicandro

    Mi pare che in caso di affitto di un appartamento l'APE non è necessaria se è di classe energetica G ma basta una dichiarazione del proproetario.E' così? Quale art.di legge citare? Grazie
    0
  • Nicandro

    Mi pare che per un appartamemto da affittare di classe energetica G non serve l'APE ma una semplice dichiarazione del proproetario.E' così? Grazie Quali art. di legge occorre citare?
    0
Visualizza altri commenti

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
Casa in affitto e certificazione energetica

Per affittare un immobile è necessario, sin dall'avvio delle trattative, consegnare al potenziale inquilino l'APE. Certificato energetico che, oramai, è entrato a far parte delle abitudini di chi ha di recente gestito l'affitto del proprio immobile. Ma questo documento è davvero utile per chi si interessa ad un immobile in locazione? Una statistica di Solo Affitti ci dà qualche risposta in proposito.

Commenti recenti

  • Paolo

    Per i locali commerciali di 500 metri quadrati in locazione, va fatta l'a.p.e. grazie
    0
  • Nicandro

    Mi pare che in caso di affitto di un appartamento l'APE non è necessaria se è di classe energetica G ma basta una dichiarazione del proproetario.E' così? Quale art.di legge citare? Grazie
    0
  • Nicandro

    Mi pare che per un appartamemto da affittare di classe energetica G non serve l'APE ma una semplice dichiarazione del proproetario.E' così? Grazie Quali art. di legge occorre citare?
    0
Visualizza altri commenti
by Andrea Saporetti
on Aprile 08, 2014
Visite: 2477

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il recupero di risorse dalla lotta all'evasione fiscale è una costante di ogni programma elettorale. Facile a dirsi, difficile di solito a farsi. Alcuni strumenti per il contrasto al nero, nel mercato dell'affitto, sono nel tempo stati elaborati: dai vantaggi per l'inquilino che denuncia il contratto non registrato, al più recente divieto di pagamento in contanti dell'affitto di abitazioni. Provvedimenti entrambi spazzati via, uno con una sentenza della Corte Costituzionale, l'altro con un parere del Ministero stesso. Ma quali misure sarebbero utili per far emergere gli affitti irregolari?

 

by Andrea Saporetti
on Aprile 01, 2014
Visite: 5940

Commenti recenti

  • davide moretti

    #davide # per conoscere i parametri economici entro i quali si possono stipulare i contratti a canone concordato per esempio di Roma dove ci si può rivolgere ?
    0
  • Mario

    salve, saprebbe dirmi se la riduzione dell’aliquota della cedolare secca al 10%, varrà soltanto per i contratti a canone concordato 3+2 oppure sarà valida e applicabile anche per i contratti a canone concordato 6+2?
    0
  • carmelo

    non sono tanto d'accordo con il post, per 2 motivi il primo è che non potete paragonare i bot o gli investimenti finanziare alle case, tante persone per comprarsi casa non hanno mai avuto una lira o un euro dallo stato, che a sua volta invece mette le mani nel prelievo sugli affitti( è SOCIO ANCHE L...
    0
Visualizza altri commenti

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

L'investimento nel mattone va male? Il fisco è il nemico n° 1 dei proprietari di casa? Il "Piano Casa" del Ministro Lupi, recentemente varato dal Governo, segna una svolta in questo senso. Il reddito da affitto gode dal 2014 di un'aliquota fiscale ridottissima per i contratti a canone concordato, pari al 10%. Regime fiscale, quello per il canone agevolato, più conveniente persino di quello riservato ai titoli di Stato. La locazione a canone concordato è oramai la tipologia di reddito meno tassata in Italia e, visto il basso rischio e l'interessante rendimento generato, risulta oggi più che mai una forma di investimento sicura e redditizia.

Commenti recenti

  • davide moretti

    #davide # per conoscere i parametri economici entro i quali si possono stipulare i contratti a canone concordato per esempio di Roma dove ci si può rivolgere ?
    0
  • Mario

    salve, saprebbe dirmi se la riduzione dell’aliquota della cedolare secca al 10%, varrà soltanto per i contratti a canone concordato 3+2 oppure sarà valida e applicabile anche per i contratti a canone concordato 6+2?
    0
  • carmelo

    non sono tanto d'accordo con il post, per 2 motivi il primo è che non potete paragonare i bot o gli investimenti finanziare alle case, tante persone per comprarsi casa non hanno mai avuto una lira o un euro dallo stato, che a sua volta invece mette le mani nel prelievo sugli affitti( è SOCIO ANCHE L...
    0
Visualizza altri commenti
by Andrea Saporetti
on Marzo 25, 2014
Visite: 3318

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Chi si accontenta gode. Un luogo comune, ma che negli affitti sta riscuotendo un notevole successo. Se è vero, come è vero, che ormai da alcuni anni i canoni di locazione a cui vengono stipulati i nuovi contratti sono in calo, è altrettanto vero – e riconfermato dai dati divulgati da Confabitare – che anche sui contratti di affitto già in essere sempre più spesso il proprietario, di fronte a una situazione di difficoltà economica dell'inquilino, accetta di rinunciare a una parte del canone mensile per evitare di doverlo sfrattare.

by Andrea Saporetti
on Marzo 18, 2014
Visite: 3551

Commenti recenti

  • Susanna Repetti

    Sto per comprare un immobile locato (ultimi 2 anni) quindi teoricamente l'appartamento sarà mio tra due anni quali dischi posso incontrare? Cosa succede se l'inquilino non mi paga il canone di locazione o peggio non lascerà l'appartamento al termine del contratto?
    0
Visualizza altri commenti

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Il Governo Renzi ha posto fin da subito l'attenzione su un tema importante per la vita quotidiana dei cittadini e per la competitività delle imprese: la lotta alla burocrazia e la semplificazione del rapporto tra cittadini e pubblica amministrazione. Vediamo quali sono le priorità sulle quali il nuovo esecutivo dovrebbe concentrarsi per permettere al settore dell'affitto di avere ancora più slancio, liberandolo di tutta quella inutile complicazione e lentezza che ancora oggi intimorisce molti proprietari di casa ad avvicinarsi al mondo della locazione, quando pure sarebbe per loro conveniente. Qualcosa già si è fatto, nel frattempo!

Commenti recenti

  • Susanna Repetti

    Sto per comprare un immobile locato (ultimi 2 anni) quindi teoricamente l'appartamento sarà mio tra due anni quali dischi posso incontrare? Cosa succede se l'inquilino non mi paga il canone di locazione o peggio non lascerà l'appartamento al termine del contratto?
    0
Visualizza altri commenti
by Andrea Saporetti
on Marzo 11, 2014
Visite: 2813

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

La crisi delle compravendite non poteva che avere come effetto naturale una spinta del mercato degli affitti. E il Report Immobiliare Urbano FIAIP lo ha certificato: nel 2013 il numero di contratti di affitto residenziali in Italia è cresciuto del +6,68%. E non è un caso isolato: questo record fa seguito a 5 anni di incremento costante. Mercoledì il Consiglio dei Ministri dovrebbe approvare il Piano Casa Bis del Ministro Lupi: secondo indiscrezioni, il provvedimento dovrebbe contenere l'abbassamento della cedolare secca per l'affitto a canone concordato dal 15% al 10%. Prevedibili le ricadute positive, in un mercato che già gode di ottima salute.

 

by Andrea Saporetti
on Marzo 04, 2014
Visite: 3956

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

La crisi immobiliare ormai perdurante porta con sé un fenomeno che prima del 2008 pareva paradossale. Tantissimi immobili costruiti da società del settore edilizio in vista di una facile e veloce collocazione sul mercato, ma che ora non sono richiesti e rimangono inutilizzati. Tante seconde case pronte per essere acquistate, ma che nessuno è oggi disposto a comprare e rimangono in offerta. Politiche sociali e incentivi all'affitto: due possibili soluzioni per un migliore utilizzo delle case che oggi il mercato non assorbe.

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati