Cerca

Il mondo che cambia in ogni istante, le leggi che vengono riscritte, la casa che è un bene primario e un diritto inalienabile. Questa rubrica è pensata per tenervi aggiornati sulle novità del mercato immobiliare. Perché tutti, in fondo, ne facciamo parte.

Rimani aggiornato sull'argomento

by Chiara Bianchi
on Marzo 21, 2017
Visite: 2849

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Affitti canone concoradto: novità

Canoni, agevolazioni fiscali e tanto altro: come cambiano i contratti concordati.

Novità per gli affitti a canone concordato e in generale per i contratti agevolati: con la pubblicazione del decreto dei Ministeri delle Infrastrutture e dell’Economia e Finanze in Gazzetta Ufficiale, n.62 del 15 marzo 2017, viene recepita la Convenzione nazionale che i sindacati degli inquilini e le associazioni dei proprietari avevano firmato il 25 ottobre 2016.

Il decreto, datato 16 gennaio 2017, detta i criteri generali per la realizzazione degli accordi da definire in sede locale cui le associazioni dei proprietari e degli inquilini dovranno attenersi per la stipula dei contratti di locazione ad uso abitativo a canone concordato, transitori e per studenti universitari, introducendo i nuovi modelli contrattuali e riepilogando le agevolazioni fiscali.

Ecco in sintesi i punti principali del decreto:

- Gli accordi locali stabiliranno le fasce di oscillazione minima e massima all’interno delle quali verrà concordato tra le parti il canone di locazione. Verranno individuati, quindi, insiemi di aree aventi caratteristiche omogenee in fatto di valori di mercato, dotazioni infrastrutturali, tipologie edilizie.

- Proprietari e inquilini, al fine di stabilire il canone effettivo, potranno a richiesta farsi assistere dalle rispettive organizzazioni, ma nel caso in cui ciò non avvenisse i contratti dovranno essere sottoposti all’attestazione di conformità da parte di almeno una delle organizzazioni che hanno firmato l’accordo.

- Vengono riepilogate le agevolazioni fiscali attualmente esistenti per i proprietari che affittano con contratto concordato, transitorio o a studenti universitari; resta in sospeso il punto relativo a due particolari provvedimenti fondamentali ai fini degli incentivi fiscali, ovvero la proroga della cedolare secca al 10% (in scadenza il 31 dicembre 2017; dal 1 gennaio 2018 l’aliquota tornerà infatti al 15%) e i nuovi limiti di tassazione di Imu e Tasi per gli affitti a canone concordato.

- Alla sottoscrizione degli accordi integrativi con le grandi proprietà immobiliari, ovvero coloro che possiedono più di 100 unità immobiliari sul territorio nazionale, potranno partecipare anche le associazioni onlus che si occupano di immigrazione, in relazione all’affitto di alloggi destinati ai lavoratori non residenti e agli immigrati comunitari o extracomunitari.

- Viene individuata una forma di risoluzione delle eventuali controversie in merito all'interpretazione ed esecuzione dei contratti, relativamente all'esatta applicazione degli accordi territoriali o integrativi: ciascuna parte potrà richiedere che venga nominata una Commissione di negoziazione paritetica che dovrà proporre entro 60 giorni una riduzione del canone.

- Vengono ampliati i casi in cui sarà possibile stipulare un contratto transitorio, ovvero le fattispecie delle esigenze di transitorietà di proprietari e inquilini, la cui presenza è indispensabile per utilizzare questa particolare tipologia contrattuale, con particolare riguardo a mobilità lavorativa, studio, apprendistato, formazione professionale, aggiornamento e ricerca di soluzioni occupazionali.

- I contratti transitori, per i quali da poco è arrivato il chiarimento delle Entrate sull’applicabilità dell’aliquota cedolare al 10%, potranno essere utilizzati solo nei comuni con più di 10 mila abitanti.

- I contratti agevolati per universitari fuori sede potranno stipularsi anche nei casi di inquilini iscritti a corsi post laurea quali master, specializzazioni, dottorati o corsi di perfezionamento. Fanno eccezione i contratti stipulati con gli studenti dei programmi Erasmus, poiché rimangono iscritti agli atenei di provenienza.

- I contratti tipo (allegati A, B e C del decreto interministeriale), che si riferiscono alla locazione abitativa a canone concordato, transitoria e per studenti universitari fuori sede, sono gli unici che dovranno essere utilizzati per la stipula dei contratti agevolati; tuttavia entreranno in vigore solo con la sottoscrizione dei nuovi accordi.

- Oneri accessori: al testo del decreto interministeriale viene allegata anche una nuova tabella degli oneri accessori, che poco modifica rispetto al passato.

In ogni caso fino all’adozione degli accordi basati sul decreto restano in vigore, in ogni loro parte, gli accordi precedenti, dunque le novità non saranno in vigore da subito ma solo una volta recepiti nei nuovi accordi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Canone concordato, con la cedolare secca al 10% in molte città è ormai la regola per l’affitto di casa
Contratto a canone concordato in un comune non ad alta densità abitativa: possibile?

 

 

by Chiara Bianchi
on Marzo 06, 2017
Visite: 1413

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Cedolare secca: boom nel 2015

Boom della cedolare secca nel 2015, scelta nel +22,4% dei casi di nuovi contratti di affitto.

Sono 1,7 milioni i proprietari di case che hanno registrato un contratto di affitto con l’opzione della cedolare secca nel 2015, una cifra che fa volare il regime fiscale secco a +22,4% rispetto al 2014. I dati sono contenuti nelle annuali “Statistiche sulle dichiarazioni fiscali. Analisi dei dati Irpef” del Ministero dell’Economia e delle Finanze e riguardano in questo caso l’anno d’imposta 2015, ovvero le dichiarazioni dei redditi denunciate nel 2016.

by Chiara Bianchi
on Febbraio 16, 2017
Visite: 4397

Commenti recenti

  • Francesco

    quindi, nella dichiarazione dei redditi non vanno più denunciati quelli da locazione?Grazie
    0
  • Luigia brunetti

    In un residence a blocchi di 5 ville il rifacimento del muro esterno ai blocchi va calcolato per millesimi di proprietà o per metratura? Grazie
    0
  • Merafina

    Come si scaricheranno le spese di affitto,all'atto della dichiarazione del reddito? Grazie
    0
Visualizza altri commenti

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
Stop agli affitti nel 730.

Decreto Milleproroghe: i contratti di affitto non andranno più inseriti nella dichiarazione dei redditi.

Tra le ultime norme approvate negli scorsi giorni dal Governo, al lavoro sul Decreto Milleproroghe per il 2017, spicca un maxiemendamento che contiene nuove semplificazioni in campo fiscale. Tra queste alcune che riguardano la casa, e in particolare gli affitti.

Commenti recenti

  • Francesco

    quindi, nella dichiarazione dei redditi non vanno più denunciati quelli da locazione?Grazie
    0
  • Luigia brunetti

    In un residence a blocchi di 5 ville il rifacimento del muro esterno ai blocchi va calcolato per millesimi di proprietà o per metratura? Grazie
    0
  • Merafina

    Come si scaricheranno le spese di affitto,all'atto della dichiarazione del reddito? Grazie
    0
Visualizza altri commenti
by Chiara Bianchi
on Novembre 18, 2016
Visite: 4106

Commenti recenti

  • robertyo

    Ho accettato un contratto di affitto 3+2 in una grande città per un bilocale d'epoca con ascensore , vetusto e non conforme negli impianti , modesto nell'arredo e senza agibilità . Come conduttore l'obbligo di riconoscere che i locali sono esenti da difetti che possano influire sulla salute di chi v...
    0
  • Andrea

    Non so se è la sezione giusta ma nella specificità del modello H vorrei sapere oltre ai 3+2 di massimo quanti anni può essere maggiorato il contratto per ottenere un bonus del 2% sul canone percepito ********************* EVENTUALE Maggiorazione per durata superiore ai 3 anni + 2 anni ( 3 % pe...
    0
  • Giorgio

    La cedolare secca per le locazioni a canone concordato per il 2018 e successivi è stata fissata nel 15% e da quale disposizione ?
    0
Visualizza altri commenti

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
Nuova convenzione nazionale affitti

Rinnovata la Convenzione Nazionale per gli affitti, in arrivo nuove regole per i contratti transitori.

Nuove regole più soft sono in arrivo per gli affitti a canone concordato grazie al rinnovo della Convenzione Nazionale tra le Associazioni maggiormente rappresentative di proprietari e inquilini, stipulata lo scorso 25 ottobre dopo 17 anni dalla precedente formulazione attualmente in vigore.

Commenti recenti

  • robertyo

    Ho accettato un contratto di affitto 3+2 in una grande città per un bilocale d'epoca con ascensore , vetusto e non conforme negli impianti , modesto nell'arredo e senza agibilità . Come conduttore l'obbligo di riconoscere che i locali sono esenti da difetti che possano influire sulla salute di chi v...
    0
  • Andrea

    Non so se è la sezione giusta ma nella specificità del modello H vorrei sapere oltre ai 3+2 di massimo quanti anni può essere maggiorato il contratto per ottenere un bonus del 2% sul canone percepito ********************* EVENTUALE Maggiorazione per durata superiore ai 3 anni + 2 anni ( 3 % pe...
    0
  • Giorgio

    La cedolare secca per le locazioni a canone concordato per il 2018 e successivi è stata fissata nel 15% e da quale disposizione ?
    0
Visualizza altri commenti
by Andrea Saporetti
on Novembre 10, 2016
Visite: 3282

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Alle origini del fenomeno Trump un passato nella gestione dell'affitto del patrimonio immobiliare di famiglia

Breve storia dei brillanti (ma controversi) esordi nel real estate del nuovo presidente degli Stati Uniti

 

Fresco di laurea, diventò a fine anni ’60 il braccio destro del padre nella gestione dell’azienda immobiliare di famiglia. E, in due anni, ridusse a zero il tasso di sfitto del complesso immobiliare costruito dal padre a Cincinnati. Un inizio brillante per la carriera del magnate newyorkese, anche se viziato da ripetute accuse di discriminazione razziale nei confronti degli inquilini afroamericani. Vediamo insieme i primi passi nell’immobiliare di Donald J. Trump.

by Chiara Bianchi
on Ottobre 28, 2016
Visite: 1774

Commenti recenti

  • Donatella

    Buon giorno, mi permetto di farle notare che tra le città universitarie ci sono anche Venezia e Mestre.
    0
  • Marco

    ... la cedolare x contratti a studenti universitari mi pare sia al 10%.... non al 19% come indicato...
    0
Visualizza altri commenti

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Prezzi affitti per studenti fuori sede

Posto letto per studenti: quanto costa, città per città.

L’anno accademico 2016/2017 è appena cominciato per migliaia di matricole al primo anno e studenti degli anni successivi. Per la maggior parte di loro la scelta del corso di laurea da seguire coincide con la necessità di trovare un alloggio durante i lunghi mesi di studio in una città lontana da quella di provenienza, ma spesso il numero di posti letto messi a disposizione dallo Stato non è sufficiente e diventa necessario addentrarsi nella giungla delle proposte di stanze in affitto.

Commenti recenti

  • Donatella

    Buon giorno, mi permetto di farle notare che tra le città universitarie ci sono anche Venezia e Mestre.
    0
  • Marco

    ... la cedolare x contratti a studenti universitari mi pare sia al 10%.... non al 19% come indicato...
    0
Visualizza altri commenti
by Chiara Bianchi
on Ottobre 20, 2016
Visite: 3192

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Bonus casa prorogati nel 2017.

Prorogate le agevolazioni fiscali per la casa con la Legge di Stabilità 2017.

L’agevolazione Irpef al 50% per chi ristruttura una casa è stata prorogata di un anno, fino al 31 dicembre 2017, mentre la detrazione del 65% per il miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici è stata estesa fino al 2021. Il Consiglio dei Ministri ha approvato lo scorso 15 ottobre lo schema della Legge di Stabilità per il 2017 estendendo i bonus casa anche a condomini e alberghi. La novità principale riguarda il sismabonus, ovvero gli incentivi per la ricostruzione post-sisma per i quali sono stati stanziati 4,5miliardi di euro.

by Chiara Bianchi
on Settembre 26, 2016
Visite: 989

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Estate 2016, le mete preferite dagli italiani in vacanza

Le mete più gettonate per le vacanze degli italiani nell’estate 2016.

Sono la Toscana (scelta dal 15,9% dei vacanzieri), l’Emilia-Romagna (14,2%) e la Puglia (13,2%) le regioni più gettonate dagli italiani che hanno scelto una casa in affitto per trascorrere le loro ferie estive. L’analisi delle mete più richieste nell’estate appena trascorsa è stata effettuata da Solo Affitti Vacanze.it, il portale di affitti turistici del gruppo Solo Affitti, che ha esaminato le prenotazioni arrivate durante l’anno per i mesi di giugno, luglio e agosto. Su un campione di oltre 330 mila ricerche di case vacanze e un’offerta di oltre 70 mila alloggi su 25 Paesi, l’Italia risulta la destinazione preferita dalla stragrande maggioranza dei turisti: il 92% degli utenti ha scelto infatti il Bel Paese come meta per l’estate 2016.

by Chiara Bianchi
on Agosto 24, 2016
Visite: 1778

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
I contributi per gli inquilini morosi incolpevoli nel 2016

Le novità per gli inquilini che non possono pagare l’affitto mensile per cause non dipendenti dalla loro volontà.

È entrato in vigore lo scorso 9 agosto il decreto delle infrastrutture del 30 marzo 2016 che rende operativo lo stanziamento di nuovi fondi nazionali destinati, nell’anno in corso, agli inquilini morosi incolpevoli, quasi 60 milioni di euro che aiuteranno chi non riesce a pagare il canone mensile di affitto dell’abitazione a causa di una situazione di indigenza non dipendente dalla propria volontà. Il decreto introduce diverse novità rispetto al precedente provvedimento del 2014: in particolare vengono definite le caratteristiche dei beneficiari ed elevato a 12 mila euro il contributo massimo previsto a persona.

by Andrea Saporetti
on Agosto 02, 2016
Visite: 2605

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Per sopravvivere ad una locazione è bene dotarsi delle 7 virtù teologali dell'inquilino

Il giusto mix di flessibilità e determinazione, pazienza e attenzione, organizzazione e atteggiamento positivo. Ecco cosa ti serve per vivere in affitto

 

 

Quando si va in affitto ci sono un sacco di cose da gestire: dalla scelta dell’immobile su internet, alle visite, alle trattative con il proprietario. Poi il contratto, la voltura o l’allaccio delle utenze, il cambio di residenza, il medico di base e compagnia cantante. Finita qui? No, perché nell’affitto il rapporto con il padrone di casa si prolunga per tutta la locazione e ogni volta che c’è una riparazione qualche piccolo conflitto è dietro l’angolo. Ma anche la fine della locazione non è immune da affari da sbrigare e beghe da gestire: la riconsegna dell’immobile con le immancabili ritinteggiature, i malumori da restituzione del deposito cauzionale, le pratiche di risoluzione. Se per il buon cristiano le virtù teologali sono tre, per l’inquilino ne servono almeno sette!

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati