Cerca

Quando il proprietario decide di vendere. L'inquilino?

by Isabella Tulipano
in Esperto
on Marzo 07, 2013
Visite: 141525

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Cosa succede ad un inquilino il cui proprietario decide di vendere l'appartamento dopo un solo anno di locazione? Deve ricominciare l'annosa ricerca o ha diritto a rimanere lì? Scopriamo cosa dice la nostra cara legge!

 

Ho preso in affitto una casa con un contratto di locazione di 4 anni + 4 scade a luglio2016. A febbraio il proprietario mi ha inviato la disdetta per iscritto invitandomi a lasciare l'immobile entro luglio di quest'anno , senza precisare i motivi. Mi ha poi fatto sapere, ma solo verbalmente, che la casa è stata messa in vendita. E'regolare tutto ciò?

Matteo

 

Va anzitutto precisato che il proprietario titolare di un contratto libero della durata di 4 anni + 4 (stipulato a norma della legge 431/98) può esercitare facoltà di disdetta solo in occasione delle scadenze contrattuali (primi 4 anni o successivi 4, 8, eccetera) dando sei mesi di preavviso. Inoltre, alla prima scadenza contrattuale,la disdetta è valida solo per uno dei motivi previsti dall'art. 3 comma 1 della legge 431/98. Fra tali motivazioni rientra anche quella di vendita dell'immobile, a condizione che il locatore non disponga di altro immobile di proprietà, oltre a quello eventualmente adibito a sua abitazione principale. Affinché la disdetta sia valida è tuttavia necessario che il locatore invii lettera raccomandata, con almeno 6 mesi di preavviso,indicando la motivazione che giustifica la richiesta di cessazione del contratto. Una lettera di disdetta priva di indicazioni relative alla motivazione è da considerarsi nulla. A maggior ragione nel suo caso, non essendo rispettati i termini contrattuali, può considerare del tutto inefficace tale disdetta e continuare ad abitare regolarmente il suo immobile. Il suo proprietario può eventualmente vendere comunque il suo immobile, cedendo anche il contratto d'affitto. Per lei vorrebbe dire solo avere un nuovo proprietario ma non subire alcun tipo di cambiamento dal punto di vista contrattuale.

 POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:
La disdetta per i contratti ad uso abitativo
Prelazione di vendita su un immobile affittato

Per qualsiasi quesito sull'affitto, scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
L'"esperto di Solo Affitti" risponde ai tuoi quesiti su contratti di locazione, adempimenti fiscali e aspetti giuridici.

Presentazione Autore
Isabella Tulipano

Donna, per designazione naturale, accettata con orgoglio e vanto. Mamma, per scelta consapevole: impegnativa quanto appagante. Esperta in questioni tecniche, fiscali, legali sul mondo delle locazioni, per lavoro, ma soprattutto per passione e per deformazione filosofica: l'eccellenza non è un atto, ma un'abitudine.


Fai una domanda o lascia il tuo commento

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters
  • Lucia gulino

    Gent.ma sig.ra isabella,la mia questione e'questa.mia mamma e'deceduta a novembre,ha lasciato ai figli un locale artigianale,dove vi e'una panineria.2 mesi fa e'scaduto il contratto di affitto,visto che dobbiamo venderlo,si deve chiedere sempre per primo all affittuario se vuole acquistarlo lui?grazie

  • Buongiorno Lucia, essendo un locale con contatto diretto della clientela dovete riconoscere il diritto di prelazione all'inquilino; soprattutto il contratto se non disdettato si considera rinnovato.

  • Lucia gulino

    Grazie per aver risposto cosi celermente,ma mi scusi,volevo anche chiederle e se il contratto non c e'?mi spiego,sono andata. In ufficio ma del contratto nessuna tracciai hanno detto che e'stato sospeso ma non mi hanno saputo dire ne il come e ne il perche',cosa succede adesso? Grazie

  • se il contratto non c'è e la volontà dell'inquilino è in ogni caso quello di andar via allora potreste trovare un accordo per questi ultimi mesi; oppure procedere con un nuovo contratto, registrandolo con ritardo.

  • Lucia gulino

    Gent.ma sig.ra isabella,la mia questione e'questa.mia mamma e deceduta e noi fratelli abbjamo deciso di mettere in vendita il locale artigianale dove e'sita una panineria.all affittuario e'scaduto il contratto,dobbiamo sempre chiedere a lui per primo se vuole acquistare l immobile?

  • Simona

    Salve,ho un contratto di natura transitoria di un anno con scadenza febbraio 2018, oggi 15 luglio la mia locatrice mi invia raccomandata per la risoluzione anticipata del contratto in quanto si è separata dal marito e vuole andarci a stare dandomi come tempo massimo tre mesi per cercare casa.... ora io le chiedo: posso chiederle come risarcimenti le spese del trasloco e di cauzione necessarie ad affittare un altra casa? O magari non pagarle questi tre mesi per poter affrontare le future spese di nuovo affitto? Grazie mille

  • Buongiorno Simona, innanzitutto il suo diritto è quello di poter rimanere fino a scadenza del contratto; quindi se viene incontro alle esigenze della proprietaria, è giusto che ponga le condizioni per farlo, chiedendo ad esempio il risarcimento delle spese di trasloco e magari della mensilità anticipata.

  • teresa

    Buongiorno Isabella il mio proprietario ha venduto l'immobile anche se il mio contratto scade a settembre 2019 ora x il contratto poiche faccio il 730 e prendo 300 euro l'anno dal comune x l affitto sara sempre valido o il nuovo proprietario dovrebbe farmi un altro contratto? e poi se a lui serve la casa e' tenuto a mandarmi la lettera di finita locazione sempre 6 mesi prima della scadenza o e' in automatico ? grazie mille se mi rispondera'

  • Gentile Teresa, il suo contratto continua ad essere valido fino al 2019, allora potrebbe essere il nuovo proprietario a mandarle disdetta con almeno sei mesi di preavviso.

  • Natalia Russu

    Buongiorno, io ho un problema io avevo un contratto d'affitto 4 anni...che scade il 6 giugno 2019.Il proprietario a messo in vendita senza mandare il preavviso di 6 mesi...a questo punto mi sono data da fare pure io di trovarmi un altro affitto.Come ce il proprietario ha in mano 2 mesi di cauzione,di cui lo abbiamo scontato il primo mese...a quest punto e rimaso in mano con un altro mese di cauzione,e noi ci siamo andati a un altro affitto - pero con un ritardo di 4 giorni....e il proprietario non vuole scontare del ultimo mese di cauzione,perche,dice che siamo stati 4 qiorni del mese ...e soldi non li da .Non pretendo alla tutta somma che e di 320 euro,pero almeno 200 euro mi li puo ristituire? se come che lui ha torto ,perche non mi ha mandato un preaviso?
    GRAZIE

  • Gentile Natalia, diciamo che anche se il proprietario avesse venduto l'immobile voi avevate diritto a rimanere fino a scadenza nel 2019; ora avendo trovato un accordo per andar via prima, va bene a questo punto pretendere di pagare solo per i gironi usufruiti e quindi i 4 del mese e non l'intero mese; ma d'altra parte il proprietario potrebbe contestare il mancato rispetto di un regolare periodo di preavviso.

  • Gabriele

    Buon pomeriggio Gentilissima Isabella,
    in un contratto di affitto che sembra 4+4 con cedolare secca, può essere già imposto l'aumento di 500€ a decorrere dal 5° anno?
    grazie mille
    Gabriele

  • Gentile Gabriele, se il 5° anno è considerato una proroga del contratto in essere non è possibile prevedere alcun aumento.

  • Diana

    Buongiorno, io ho un problema io avevo un contratto d'affitto due più due con la prima scadenza maggio 2017. la proprietaria mi ha dato la disdetta tramite raccomandata con ricevuta di ritorno tre mesi prima della scadenza dei due anni come da contratto perché ha deciso di vendere l immobile, però eravamo rimaste d'accordo che potevo rimanere nell'immobile fino a quando non l'avesse venduta; io comunque in previsione ho iniziato a cercare un nuovo appartamento nonostante la sua proposta e avevo trovato una casa ma libera settembre 2017. ma ecco il problemain torno al 20 di maggio a poco meno di due settimane dalla fine del contratto che ha come scadenza il 30 maggio 2017 l'immobile è stato venduto (o meglio é stata data la caparra)pertanto io mi sono trovata fregata, perché il nuovo proprietario vuole entrare nell'immobile alla fine di luglio però mi è stato chiesto dal vecchio proprietario di lasciarlo l immobile entro la fine di giugno. Quello che mi chiedo io dopo un accordo verbale preso prima della vemdita nn sono tutelata in alcun modo? Devo traslocare in un mese e basta o ce qualche tempistica in piu prevista da qualche legge?inoltre nn essendoci piu un contratto devo pagargli lo stesso il mese di giugno pari a 200€? in oltre ce del nero e gli devo pagare anche 120€ del nero? Aiutatemi grazie e buona giornata
    Diana

  • Gentile Diana, la disdetta potrebbe non essere considerata valida, dal momento che doveva darle almeno sei mesi di preavviso e non tre, anche se scritto in contratto. In virtù di questo può pretendere di rimanere almeno fino a settembre e soprattutto se non vi è un regolare contratto registrato pagare solo la quota indicata e niente di più.

  • Massimo

    Da qualche mese sono alla ricerca di un appartamento in affitto. Ne ho trovato uno ed anche se non è come lo sto cercando potrebbe andare bene, ma c'è un problema.
    L'appartamento in questione è in vendita. Se dovessi trovarmi d'accordo con il proprietario e stipulare un contratto d'affitto 4+4 cosa accadrebbe se la casa fosse venduta successivamente?
    Grazie per la risposta.
    Massimo

  • Gentile Massimo, se l'immobile venisse venduto mentre il suo contratto è in essere, il nuovo acquirente dovrà rispettarne durata e altre condizioni contrattuali prese.

  • Bruno

    Buongiorno, io mia moglie e mio figlio di anni6 siamo in affitto con contratto di anni 4+4 con scadenza nel 2020, ora la proprietaria vuole vendere l'appartamento, so che devo far vedere l'appartamento ma ogni settimana o ogni 15 giorni ? Inoltre chi dovesse acquistare casa è tenuto a rispettare la scadenza del contratto al 2020 ? Io posso stare tranquillo?
    Grazie mille per vostro chiarimento
    Gentilissimi
    Cordialmente
    Bruno

  • Buongiorno Bruno, la scadenza va rispettata anche dai nuovi proprietari e per le visite lei deve concedere una sua disponibilità, se questa è limitata ad ogni 15 giorni, proponga tale scadenza.

  • Bruno

    Buongiorno,

Carica Altri Commenti

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati
Locazione di immobile di interesse storico: come fare?Locazione di immobile di interesse storico: come fare?
Se è ben noto ai più che la vendita di un immobile “vincolato” (riconosciuto di interesse storico-artistico dalla...
Buonentrata e buonuscita: il commercio dei negozi.Buonentrata e buonuscita: il commercio dei negozi.
La prima scelta per chi decide di aprire un'attività è quella di selezionare la location giusta e adatta. Il sogno di aprire nella "via...
Risoluzione anticipata del contratto: step by step.Risoluzione anticipata del contratto: step by step.
Come chiudere un contratto d’affitto senza alcun rimpianto. Il primo, fondamentale, step è quello di prendere coscienza della volont&...
Professione inquilino: le 7 doti fondamentali per chi va a vivere in affittoProfessione inquilino: le 7 doti fondamentali per chi va a vivere in affitto
Il giusto mix di flessibilità e determinazione, pazienza e attenzione, organizzazione e atteggiamento positivo. Ecco cosa ti serve per vivere...
10 consigli per essere un proprietario di casa in affitto moderno e al passo con i tempi10 consigli per essere un proprietario di casa in affitto moderno e al passo con i tempi
Niente pregiudizi e inutili rigidità, scelte contrattuali e fiscali adeguate, cura dell’immobile, ma anche trasparenza e cordialità...