Cerca

Aggiornamento Istat: 5 motivi per cui non conviene più adeguare il canone di affitto

Certo, a dirla così suona paradossale. Se fino a qualche anno fa non applicare al canone di locazione l’adeguamento Istat poteva suonare un paradosso, oggi non è altrettanto certo che si tratti di uno svantaggio per il locatore. Anzi! Vediamo le 5 ragioni per cui l’aggiornamento Istat non è più conveniente per l’affitto di un’abitazione.

Leggi tutto

Contratto con cedolare secca a partire dal terzo anno: si deve rinunciare anche al precedente aggiornamento istat?

L'opzione per il regime facoltativo della cedolare secca può essere espressa non solo in sede di registrazione di un nuovo contratto d'affitto, ma anche nelle annualità successive, durante il corso del contratto pluriennale. Poiché la scelta della cedolare secca implica, per il proprietario, la rinuncia alla richiesta di aggiornamento del canone, il dubbio che sorge è se tale rinuncia si applica anche agli aggiornamenti precedentemente maturati e richiesti o se il canone da cui partire è l'ultimo corrisposto, ovvero comprensivo di aggiornamento.

Leggi tutto

Contratto in corso: lecita la riduzione del canone, mai l'aumento.

La durata dei contratti d'affitto è tra le misure più rigide a cui devono sottostare proprietari ed inquilini soprattutto in riferimento al fatto che il canone pattuito all'inizio del contratto può variare solo in rapporto agli indici Istat e non oltre. Se non sono concessi aumenti arbitrari al canone, sono invece ammesse riduzioni dello stesso. Come?

Leggi tutto

BlogAffitto: contratto uso foresteria batte tutti!

L'internauta interessato all'affitto, che preferisce cercare informazioni in rete per sapere quello che fa, prima di farlo...che tipo di informazioni cerca? Lo vediamo facendo un primo bilancio del nostro BlogAffitto. Quali sono state le parole chiave più cliccate finora su Google che hanno portato i navigatori al nostro blog preferito?

Leggi tutto

Aggiornamento Istat: quanto e quando?

L'aggiornamento del canone è l'unica modalità concessa al proprietario per poter aumentare il canone d'affitto durante il periodo contrattuale. Il meccanismo è vincolato però all'indice Istat dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (FOI) al netto dei tabacchi. Come funziona quindi? C'è differenza tra il contratto per il mio appartamento e quello per il negozio?

Leggi tutto

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati