Cerca

Autori

l'amministratore risponde solo al proprietario?

A chi chiedere il pagamento delle spese condominiali?


Oneri accessori o spese condominiali: un balzello (spesso molto pesante) che ci si dimentica di considerare quando prendiamo in affitto un immobile o magari anche quando ne compriamo uno. Ad un bel condominio, ben tenuto, corrispondono spese di manutenzione elevate.. pensiamo che i “poveri” condomini dei due famosi grattacieli a Milano del “Bosco Verticale”, pagano generalmente, in un trilocale, 1.500 euro al mese. Ma spesso sono poi proprio i condomini più datati e che necessitano di maggiori lavori a riservare brutte sorprese: alte spese di gestione che il proprietario rimbalza sull’inquilino, l’inquilino rimanda all’amministratore, che si rifà ancora sul proprietario, chiudendo il cerchio. Corretto?

Leggi tutto Tra proprietario e inquilino non metterci l’amministratore!

Tra i fattori principali l’esclusione delle controversie per sfratto, le più numerose, e la scarsa efficacia della gestione stragiudiziale delle liti

 

Dopo 3 anni dalla reintroduzione dell’obbligo di conciliazione in svariati settori, tra i quali la locazione, il comodato, il condominio, la diffusione dei meccanismi di mediazione civile non sembra prendere piede quanto potrebbe. Un’analisi di questo utile, ma migliorabile, strumento di gestione stragiudiziale delle controversie nel settore dell’affitto.

Leggi tutto Mediazione civile obbligatoria: perché nell’affitto la conciliazione non decolla
Prenotare online è più conveniente

Internet e la sharing economy consentono di prenotare con grandi risparmi

Da un'analisi Hundredrooms (un sito molto visitato, comparatore di alloggi turistici in affitto per le vacanze), emerge che la vastità delle offerte online e una maggiore autonomia favoriscono l’affitto di appartamenti e case vacanze rispetto alle sistemazioni in strutture alberghiere

Leggi tutto Grazie al web, gli italiani tornano a viaggiare

Affitto, in aumento da nove anni consecutivi

Un mercato in crescita da 9 anni consecutivi, una fiscalità particolarmente vantaggiosa per il proprietario e canoni di affitto accessibili per gli inquilini grazie ai contratti concordati: ecco le ragioni del successo crescente dell’affitto.

Comprare casa è di serie A, affittare casa è di serie B: uno stereotipo che molti di noi hanno, cresciuti come siamo con il mantra tipico italiano della casa di proprietà.
Nell’ultimo decennio, a causa del crollo delle compravendite di abitazioni (ma non solo!), l’affitto è diventato un fenomeno di successo in Italia. Tutti se ne sono accorti, ormai, anche se molti vorrebbero far finta di non vedere.
Ecco 3 semplici considerazioni che spiegano il perché del successo dell’affitto nel nostro paese: recente, ma destinato a durare.

Leggi tutto Perché l’affitto è il fenomeno immobiliare del momento, spiegato in 3 punti
Dichiarazione 2017: le spese da detrarre per la casa

Tutte le spese per la casa e l'affitto che si possono detrarre nella dichiarazione dei redditi 2017.

Siamo arrivati come ogni anno al periodo in cui raccogliere le idee, ma soprattutto le fatture e le ricevute delle spese sborsate durante i 12 mesi passati, da presentare in sede di dichiarazione dei redditi per poter usufruire delle agevolazioni fiscali previste a seconda della tipologia di spesa sostenuta.

Leggi tutto Quali spese su casa e affitto posso detrarre dalla dichiarazione dei redditi 2017?
Scopri la Spiaggia dei Conigli

Premiate 343 località in tutto il mondo

La Spiaggia dei Conigli a Lampedusa, Cala Mariolu e Cala Goloritze in Sardegna sono le vere "regine" d'Italia. La bella stagione è alle porte ed è gia tempo di programmare le vacanze estive. Se state pensando di cercare relax e acque limpide lungo la nostra magnifica penisola, ecco qualche suggerimento tratto dai Travelers' Choice Beaches Awards 2017 di TripAdvisor.

Leggi tutto Spiagge più belle d’Italia 2017: la top 10 di TripAdvisor
Affitti canone concoradto: novità

Canoni, agevolazioni fiscali e tanto altro: come cambiano i contratti concordati.

Novità per gli affitti a canone concordato e in generale per i contratti agevolati: con la pubblicazione del decreto dei Ministeri delle Infrastrutture e dell’Economia e Finanze in Gazzetta Ufficiale, n.62 del 15 marzo 2017, viene recepita la Convenzione nazionale che i sindacati degli inquilini e le associazioni dei proprietari avevano firmato il 25 ottobre 2016.

Leggi tutto Affitti agevolati, dopo 18 anni ridefiniti i canoni e gli sconti fiscali.
I giovani italiani ultimi per propensione a lasciare la casa dei genitori

Ben l’80% dei giovani italiani non se ne va dalla casa di mamma e papà prima dei 30 anni. C’entra la crisi, ma non solo

 

Non siamo abituati ad essere i primi nelle classifiche internazionali, ma stavolta possiamo fregiarci di questo titolo.
Nel panel di paesi analizzati dall’OCSE l’Italia non ha rivali per quota di giovani che non sono usciti dal nido familiare nei primi 30 anni della loro vita.

Leggi tutto Bamboccioni o precari? Italia prima per giovani che restano in casa con i genitori
Scopri i trend del turismo mondiale

Alle 4 aree principali (Leisure, Luxury, MICE e Sport), associati 3 percorsi di visita

 

Dal 2 al 4 aprile Fieramilanocity e MiCo ospiteranno per la prima volta la BIT 2017, la Borsa Internazionale del Turismo che per questa nuova edizione si concede due novità importanti: il cambio di location (fino all’anno scorso si svolgeva presso Fiera Milano Rho) e l’introduzione di alcune aree dedicate a segmenti sempre più rilevanti nel settore.

Leggi tutto I trend del turismo mondiale in fiera a Milano
Cedolare secca: boom nel 2015

Boom della cedolare secca nel 2015, scelta nel +22,4% dei casi di nuovi contratti di affitto.

Sono 1,7 milioni i proprietari di case che hanno registrato un contratto di affitto con l’opzione della cedolare secca nel 2015, una cifra che fa volare il regime fiscale secco a +22,4% rispetto al 2014. I dati sono contenuti nelle annuali “Statistiche sulle dichiarazioni fiscali. Analisi dei dati Irpef” del Ministero dell’Economia e delle Finanze e riguardano in questo caso l’anno d’imposta 2015, ovvero le dichiarazioni dei redditi denunciate nel 2016.

Leggi tutto Cedolare secca, nel 2015 l’hanno scelta il +22,4% dei proprietari di case in affitto.

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

×
Rimani in contatto con noi
Iscriviti per essere informato sulle novità di Blogaffitto
×
Articoli correlati